menù principale per la navigazione con screen reader

  1. le sezioni del portale
  2. form di ricerca
  3. menù di navigazione
  4. contenuto della pagina

Ricerca

menù di navigazione

Forestaz. produttiva - funghi - tartufi

torna al menù per la navigazione con screen reader
Siete qui: Home / Forestaz. produttiva - funghi - tartufi

Forestazione produttiva - imboschimento delle superfici agricole


pioppetoL’ufficio gestisce i programmi comunitari in materia di imboschimento delle superfici agricole, secondo quanto discende dalReg. (CEE) n.2080/92 e dal Reg. (CE) n.1257/99(PSR) misura h. ed, analogamente,  si occuperà di gestire le misure di forestazione produttiva per il PSR – Lazio 2007/2013 con particolare riferimento alle misure 221 e 222.

Gli investimenti previsti dai regolamenti trovano la loro motivazione nella scelta fatta dall’Unione europea già dagli anni ‘80 di ridurre le produzioni agricole favorendo un’utilizzazione alternativa dei terreni, legata alla necessità di creare strumenti per la difesa del suolo e dell’ambiente e un aumento della produzione di ossigeno.

La Regione Lazio ha quindi finanziato sia impianti finalizzati alla creazione di nuove superfici boscate utilizzando le specie tipiche delle diverse fasce altitudinali, sia impianti con finalità più direttamente produttive, quali coltivazioni di noce da legno, ciliegio o pioppo, ovvero impianti a finalità mista come i querceti tartufigeni.

Con i regolamenti comunitari sopra menzionati, l’agricoltore che ha  deciso di sottrarre alla produzione una superficie agricola da lui gestita, impiantando specie arboree secondo quanto previsto dagli “avvisi pubblici”, matura un diritto a ricevere un “premio” per l’impianto realizzato e “premi” per la manutenzione nei cinque anni successivi. Inoltre, poiché le superfici utilizzate allo scopo sarebbero state improduttive per alcuni anni, è stato  previsto anche un “premio” per la perdita di reddito di durata variabile a seconda della specie impiantata e del turno prescelto.

Entrambi i regolamenti citati sono giunti al termine del periodo di attuazione. Il Reg. (CE) n.1698/05 ha dato l’avvio ad una nuova fase di investimenti che saranno realizzati attraverso il relativo programma regionale PSR – Lazio 2007-2013 cui si è fatto cenno in precedenza.

VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI DEL SOTTOBOSCO

TARTUFI

L.R. n. 82 del 16-12-1988 - “Disciplina della raccolta, coltivazione e commercializzazione dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo, sul territorio della Regione Lazio”

Art. 6 – Autorizzazione alla raccolta

Per praticare la raccolta su fondi non di loro proprietà i raccoglitori devono essere muniti di un apposito tesserino. Per ottenere tale tesserino gli aspiranti raccoglitori devono sostenere un esame presso una delle cinque Aree Decentrate della Direzione Agricoltura:

- Frosinone - Via Veccia n. 23 - Sig. D'Ambrosio Rocco Mario tel. 0775-851619
- Latina - Via Villafranca n.2/d - Sig. Maselli Giovanni tel. 0773-446623 - Sig. Acquino Giovanni 0773-446639
- Rieti - Via Raccuini n.21/a - Sig.ra Casciani Lorella tel. 0746-264616 - Sig. Spognetta Adelmo tel. 0746-264670 - Sig.ra Lucchetti Graziana tel. 0746-264640
- Roma - Via Pianciani n.16 - Sig.ra Crisafulli Concettina tel. 06-51686646 - Sig. Gioia Leonardo tel. 06-51686637
- Viterbo - V.le Maresciallo Romiti n.80 - Sig.ra Castelli Miriana tel. 0761-298627

Art.3, comma 5 – Riconoscimento di tartufaia controllata o coltivata

La Regione Lazio rilascia attestazione di riconoscimento di “tartufaia controllata” e di “tartufaia coltivata” a coloro che, avendo titolo, ne fanno richiesta attraverso le Aree Decentrate.

Tartufaie finora riconosciute dalla Regione Lazio con relativa localizzazione territoriale, tipologia e provvedimento autorizzativo.

FUNGHI E ALTRI PRODOTTI DEL SOTTOBOSCO

L.R.  n.32 del 05-08-1998 – “Raccolta dei funghi epigei spontanei e di altri prodotti del sottobosco”

L’obbligo del tesserino è previsto solo per i raccoglitori di funghi. In questo caso la competenza è della Provincia, non è necessario sostenere un esame, ma soltanto un corso di formazione svolto da ASL, enti locali, associazioni micologiche, enti pubblici o privati.

- Frosinone (tel. 0775-219225)
- Latina (tel.0773-401432)
- Rieti (tel. 0746-2861)
- Roma (tel. 06-67668502)
- Viterbo (tel. 0761-313253)

 SONO STATI PUBBLICATI GLI AVVISI PUBBLICI RELATIVI ALLE MISURE  123, 124, 125, 221, 222  (PER IL LINK SCORRERE LA PAGINA)

Finanziamenti previsti dal PSR 2007 – 2013:

La misura 122 “accrescimento del valore economico delle foreste” ha  come obiettivo l’incremento del valore economico delle foreste attraverso la diversificazione della produzione forestale e l’ampliamento degli sbocchi di mercato del settore, tramite una gestione sostenibile e multifunzionale delle utilizzazioni boschive.

La misura 123 “Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali”,  prevede un’azione specifica (azione2) ai sensi della quale sono ritenuti ammissibili a finanziamento investimenti materiali e immateriali per l’ammodernamento ed il miglioramento dell’efficienza delle imprese laziali operanti nella lavorazione, trasformazione e/o commercializzazione dei prodotti forestali.Avviso pubblico

La misura 124 “ Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo, alimentare e forestale” ha l’obiettivo di incentivare la collaborazione tra produttori primari, imprese di trasformazione, operatori commerciali, strutture operanti nell’ambito della ricerca e sperimentazione, per individuare e sviluppare percorsi innovativi da attuare lungo le filiere produttive e favorire il trasferimento delle conoscenze. La misura intende sviluppare  iniziative volte ad incrementare il valore delle produzioni, ad aumentare la redditività dei prodotti e dei servizi, a creare nuovi sbocchi di mercato ricorrendo ad innovazioni di processo e di prodotto. Avviso pubblico

La misura 125 “Miglioramento e creazione delle infrastrutture connesse allo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo, alimentare e forestale” ha come obiettivo il miglioramento e potenziamento delle infrastrutture a servizio delle unità produttive agricole e forestali al fine di rendere competitivi i settori interessati.Avviso pubblico

La misura 221 "Primo imboschimento di terreni agricoli" intende aumentare la superficie forestale sottraendo territorio alle produzioni agricole, diversificando il paesaggio rurale, contribuendo in tal modo alla protezione dell’ambiente, alla difesa dello stato del suolo,  alla mitigazione dei cambiamenti climatici, oltre che ad aumentare la disponibilità delle risorse forestali e del legname di pregio sul mercato.Avviso pubblico

La misura 222 "Primo impianto di sistemi Agroforestali su terreni agricoli" ha per obiettivo incrementare la superficie forestale con la creazione di sistemi agro-forestali. Avviso pubblico

Strutture competenti presso la Direzione regionale agricoltura:

AREA - GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE E GOVERNO DEL TERRITORIO A VOCAZIONE AGRICOLA
Dirigente Fabio Genchi
Tel 06.51688245 fgenchi@regione.lazio.it fax 06.51688271


- Patrizia G. D'Amelj Tel. 0651688291 pdamelj@regione.lazio.it
- Anna Maria Palozzi Tel 06.51688289 apalozzi@regione.lazio.it
torna al menù per la navigazione con screen reader